IL PARLAMENTO ACCOGLIE LA RICHIESTA DEGLI AUTOFERROTRANVIERI, PER UNA GUIDA PIU’ SICURA

Trieste -

IL PARLAMENTO ACCOGLIE LA RICHIESTA DEGLI

AUTOFERROTRANVIERI, PER UNA GUIDA PIU’ SICURA

 

con l’ articolo 60 della nuova legge n. 120 dd. 29.7.10 vengono introdotti in Italia i c. d. semafori “ intelligenti “ che potranno agevolare notevolmente lo svolgimento delle mansioni di guida dei conducenti d’autobus, diminuendo la possibilità di infrangere gli articoli 41 e 146 del codice della strada; nell’ attraversamento degli incroci regolati dagli impianti semaforici, che dovranno essere dotati di un contasecondi indicante il tempo mancante all’ accensione della successiva lanterna semaforica.

 

Art. 60.

(Caratteristiche degli impianti semaforici e di altri dispositivi)

 

1. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,

da emanare, sentita la Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali,

entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente

legge, sono definite le caratteristiche per l'omologazione e per

l'installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo

residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici, di

impianti impiegati per regolare la velocita' e di impianti attivati

dal rilevamento della velocita' dei veicoli in arrivo.

2. Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano decorsi sei mesi

dall'adozione del decreto di cui al medesimo comma 1.

 

In tal modo si andrà ad aumentare in maniera considerevole la sicurezza stradale evitando che i bus attraversino - fortuitamente - gli incroci con il semaforo giallo-rosso. Ciò consentirà ai conducenti la possibilità di svolgere serenamente il proprio lavoro, nonché di scongiurare le pesanti sanzioni economiche, la perdita dei punti patente ed il rischio di rimanere privi della patente e del lavoro.

 

La U.S.B. Trasporti ritiene necessario porgere il proprio ringraziamento all’ On. Ettore ROSATO, che – dopo essere stato informato del problema - in data 4.5.2010 si è fatto carico delle preoccupazioni espresse dai lavoratori del settore e a tal fine ha presentato una specifica interrogazione parlamentare, che ha notevolmente contribuito alla risoluzione del problema.

Trieste, 3 agosto 2010 U.S.B. FEDERAZIONE TRASPORTI F.V.G.