Argomento:

ARTICOLI DI Rassegna STAMPA 25 Novembre 2008

26 novembre 2008 - Corriere del Veneto

La protesta Sciopero di solidarietà per Alitalia, centinaia di passeggeri a terra
Venezia, trentuno voli cancellati

VENEZIA – In tutto, tra arrivi e partenze, sono stati cancellati 31 voli. Sciopero degli handler (gli operatori di terra) e crisi Alitalia hanno portato l'ennesima giornata di passione all'aeroporto Marco Polo di Venezia, con centinaia di passeggeri a terra e gli stessi manifestanti in corteo a rifornirli di panini e bibite.
Ieri lo scalo veneziano è stato colpito dalla protesta indetta dal sindacato Rdb-Cub, che ha scioperato per una serie di rivendicazioni aziendali, ma anche per solidarietà verso i lavoratori dell'Alitalia.
E proprio la compagnia di bandiera ha contribuito, come del resto sta facendo da diversi giorni, ad aumentare i disagi, con una serie di cancellazioni che rientrano nella riduzione dell'operativo in corso in questi giorni: ieri il commissario di Alitalia Augusto Fantozzi ha tra l'altro annunciato che da oggi i voli tagliati raddoppieranno e saranno più di duecento in tutta Italia, anche se Save ancora non ha ricevuto comunicazioni su quali siano i voli a rischio su Venezia.
I disagi principali li hanno dovuti subire i viaggiatori di Lufthansa ed Air France- Klm, entrambe servite da Aviapartner, l'handler che in questo momento ha le commesse maggiori, visto che la rivale Gh sta subendo la crisi Alitalia: sono stati cancellati tutti e tre i voli giornalieri per Amsterdam e Lione (la città francese è stata però servita da Easyjet), due per Francoforte e Parigi, oltre a un volo Swiss per Zurigo. Un volo della portoghese Tap per Lisbona è stato invece «dirottato» al Canova di Treviso.
Alitalia ha invece cancellato tre dei sette voli giornalieri per Roma Fiumicino.
I sindacati hanno comunque dovuto risparmiare i voli nelle fasce protette della prima mattinata e del tardo pomeriggio, oltre che i voli intercontinentali e quelli per le isole.
Ma anche in questo caso si è aperta la polemica. «Di solito il contingentamento viene concordato con i sindacati – sbotta Giampietro Antonini, segretario Rdb-Cub – ma in questo caso non è stato fatto, a nostro giudizio per mettere in una situazione di imbarazzo i tanti precari».
La protesta era stata indetta «contro l'attacco al diritto di sciopero e per i diritti sindacali, in solidarietà con i lavoratori Alitalia e per le vertenze aziendali»: in particolare l'orario di lavoro, la carenza di organico, la sicurezza, l'aggiornamento professionale, il premio di risultato e il diritto alla mensa.
A sostegno dello sciopero è giunta al Marco Polo una delegazione di lavoratori degli altri settori dei trasporti e della Rdb-Cub del pubblico impiego.(A.Zo.)

 

 


26 novembre 2008 - La Repubblica

Marconi, si viaggia a singhiozzo
Sciopero all´aeroporto, cancellati decine di voli

Bologna - «Circa 50 voli cancellati, (solo 25, secondo la Sab ndr) cioè più o meno il 50 per cento del traffico aereo». Questo il risultato, secondo il sindacato Rdb-Cub, dello sciopero di 24 ore (fino alla mezzanotte di ieri) proclamato all´aeroporto Marconi dai lavoratori di Bas, Marconi handling, Sab, Giacchieri e Koop service. In mattinata una ventina di lavoratori hanno dato vita ad un presidio nell´area partenze. Tra fischietti, bandiere e trombe da stadio alcune scritte su striscioni e cartelli che inneggiavano a: «libertà sindacale», «no diritti, no voli» e «stop allo sfruttamento dei lavoratori degli appalti». Intanto la deputata Idv Silvana Mura, deputata Idv lancia un grido d´allarme (e presenterà un´interrogazione al ministro dei Trasporti) perché nella riorganizzazione della nuova Alitalia, «l´unico volo che rimarrebbe in vigore da Bologna a Roma, sarebbe quello delle 15, un orario scomodo per chi viaggia per lavoro. Il Marconi è il terzo scalo intercontinentale d´Italia e negli ultimi anni ha registrato un considerevole incremento del volume di passeggeri. Tagliare di fatto i collegamenti aerei tra Bologna e Roma è una misura che va assolutamente in controtendenza con l´importanza assunta dallo scalo bolognese. Quello che preoccupa in particolare è conoscere la strategia che Cai intende attuare nella tratta Bologna-Roma nel momento in cui subentrerà ad Alitalia». A stretto giro di posta però il Marconi smentisce il ridimensionamento: «La compagnia aerea ha confermato a Sab il mantenimento fino alle fine dell´orario invernale - il 28 marzo 2009 - degli attuali quattro voli giornalieri programmati. A tutt´oggi, nell´estate 2009 prevede di far salire a cinque le frequenze giornaliere (rimarranno quattro solo la domenica). Tutti i voli sono attualmente in vendita».


26 novembre 2008 - Metronews

Marco Polo in tilt , cancellati 24 voli

Venezia - Disagi all’aeroporto Marco Polo ieri per lo sciopero del personale delle tre società che gestiscono i servizi a terra. Check-in chiusi, 24 i voli cancellati, dei 154 in programma, e ritardi alla consegna dei bagagli. I dipendenti reclamano carenza di organico, chiedono più sicurezza, aggiornamento professionale, premio di risultato e il diritto alla mensa. «Da quando è stato privatizzato il servizio - dice Giampiero Antonini segretario Rdb-Cub Venezia -, la situazione è peggiorata sia come carico di lavoro che come premio di produzione, ormai tolto». In mattinata, nello scalo veneziano si è tenuto un corteo dove sono stati distribuiti panini, bibite ai viaggiatori oltre a un volantino dove si spiegavano i motivi dell’astensione al lavoro. Oltre a quelli per lo sciopero, sono stati cancellati altre sette voli Alitalia, tre in partenza e quattro in arrivo. (ALE.RA.)


26 novembre 2008 - Il Venezia

Trasporti. Marco Polo, Sette voli per Venezia annullati
Sciopero dell'handling anche Fiumicino bloccato

Venezia - Una trentina di voli cancellati tra partenze e arrivi, due dirottati su Treviso e disagi anche all'aeroporto romano di Fiumicino, con sette voli Alitalia soppressi da e per Venezia. È questo il bilancio dello sciopero di ieri dei lavoratori di handler e gestori aeroportuali, indetto per solidarietà con i dipendenti della compagnia di bandiera e per la vertenza cittadina, con questioni ancora aperte come "l'orario di lavoro, la carenza di organico, la sicurezza, l'aggiornamento professionale, il premio di risultato", si legge in una nota sindacale. E in sostegno allo sciopero è arrivata all'aeroporto veneziano una delegazione di lavoratori degli altri settori dei Trasporti e della Rdb Cub del Pubblico impiego. Fuori dalla struttura si è formato poi un corteo che ha consegnato ai passeggeri volantini per informarli dei motivi della protesta. «L'adesione allo sciopero è stata buona, così come le presenze alla manifestazione di questa mattina (ieri per chi legge, ndr) - commenta Giampiero Antonini, Rdb Cub Trasporti - con un centinaio di persone fuori dall'aeroporto».(F.FU.)


* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni