I lavoratori del TPL a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta per il posto di lavoro

Roma -

I lavoratori del TPL sono a fianco dei lavoratori Alitalia in lotta a difesa di uno dei segmenti strategici per il futuro dell’economia di questo paese.

Non capire che quanto si va profilando su Alitalia sia la prova generale di quello che Governo Italiano e UE stanno preparando per tutto il settore dei trasporti italiani significa non capire la realtà che stiamo vivendo.

Difendere l’integrità di Alitalia significa dire NO all’ipotesi di spezzettamento e ridimensionamento di un settore, quello del trasporto aereo italiano, basilare per il rilancio della economia nazionale.

Difendere l’integrità di Alitalia significa dire NO all’assurdo progetto di far diventare la compagnia di bandiera un satellite di Air France o Lufthansa.

Difendere l’integrità di Alitalia significa dire NO alla assurda politica messa in campo dalla UE con gli aiuti incondizionati concessi ad Air France e Lufthansa e alle condizioni capestro invece imposte ad Alitalia.

Difendere Alitalia è strategico per tutti i lavoratori dei trasporti italiani: il loro futuro rappresenta il futuro di tutto il settore.

Oggi, quindi, i lavoratori Alitalia si stanno battendo anche per il nostro futuro.

Per questo tutto il comparto TPL è oggi, idealmente, in piazza con loro, come è stato  il 12 aprile e sarà anche il 16.

A loro DEVE andare tutta la nostra solidarietà.

La loro lotta è anche la nostra lotta.

USB Lavoro Privato

Coordinamento Nazionale Settore Trasporto Pubblico Locale

Roma, 14 aprile 2021

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati