I lavortori autoferrotranvieri scioperano compatti

Nazionale -

Alta l'adesione allo sciopero nazionale del Trasporto Pubblico locale indetto da USB Lavoro Privato.

 

Sono oltre il 70% i conducenti di linea che hanno incrociato le braccia contro i tagli economici al settore attraverso i quali si vogliono giustificare nuovi carichi di lavoro, defalcazioni ai salari di secondo livello, licenziamenti, tagli al servizio e aumento delle tariffe.

 

Chiuse le metropolitane fin dalle prime ore del mattino a Roma, oltre il 70% delle vetture di superficie ha fatto rientro negli impianti.

 

Ferma anche la metropolitana della società SEPSA della città di Napoli con il rientro di circa del 50% delle vetture su gomma.

 

Alta l'adesione allo sciopero dei lavoratori del settore nel Veneto; nella città di Mestre è in corso una manifestazione dei lavoratori del settore che raggiungerà il municipio, una iniziativa “PIEDI-BICI-BUS” che vuole coinvolgere la cittadinanza sul reale rischio di essere privati del diritto alla mobilità.

 

Lo sciopero di oggi non è che l'inizio di una vertenza

 

Contro i tagli economici al settore

  • Contro la diminuzione dei servizi e il taglio delle linee

  • Contro l’aumento delle tariffe

  • Contro l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, più onerosi e sulle spalle della collettività

 

PER DIFENDERE:

  • Il futuro occupazionale di 150.000 lavoratori del settore

  • Il diritto alla mobilità

  • La volontà popolare espressa con il referendum del 12 e 13 giugno:

    i servizi pubblici devono restare PUBBLICI

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni