Argomento:

NE MARGINALI NE AGGIUNTIVE NE ASSENTEISTI NE FANNULLONI

CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE

Federazione Trasporti

delle Rappresentanze Sindacali di Base

 

Trieste -

 

 

 

 

La RDB non condivide il criterio usato da T. T. spa per identificare i servizi Marginali e quelli Aggiuntivi, delle linee CHE VUOLE SUB APPALTARE e si chiede, come possa – la Società - definire marginale la linea 33 o la 35, che trasportano ogni anno decine di migliaia di utenti in quartieri ad alta densità abitativa, nei quali sono situati importanti istituti scolastici, utilizzando a tale scopo non solo degli autobus regolari, ma addirittura diversi autobus di rinforzo, nelle ore di punta.

 

Ci si chiede inoltre, per quale motivo T. T. spa non consideri invece marginali la linea 12 che porta all’ex O.P.P., la 24 che porta a S. Giusto, la 38 che porta in v. Bonomea, la 51 che porta all’Area di ricerca, la 52 che porta al M.te S. Pantaleone o i servizi giornalieri degli scuolabus ed i sevizi regolari che esercitano funzioni turistiche ? ? ?

 

Perché vengono considerate aggiuntive la linea 73 che porta gli utenti alla baia di Sistiana, la 39/ che porta da Aurisina all’ospedale di Cattinara , la 49/ che porta da Muggia all’ Ospedale di Cattinara e non vengono invece considerate aggiuntive le linee trasfrontaliere che potrebbero collegate Trieste con Sesana e con Capodistria ?

 

Se il progetto di T. T. spa dovesse essere accolto dalla Provincia, i lavoratori e la cittadinanza subiranno certamente un danno notevole, dovuto anche alla perdita di 10 linee di trasporto, corrispondenti a 27 turni di lavoro per 38 conducenti.

 

I cittadini di Trieste e lavoratori di T. T. SpA - si attendono invece uno specifico intervento della Provincia che possa evitare un tragico salto all’indietro della gestione del trasporto pubblico locale, che inevitabilmente verrebbe portato al livello degli anni 70, quando la gestione era spezzettata e a Trieste esistevano, 6 aziende, 6 contratti e 6 paghe diverse.

 

Tutti si augurano che ciò non abbia a realizzarsi, ma che soprattutto le scelte della T. T. SpA, non portino nuovamente a quel livello di esasperazione, che aveva costretto - negli anni 70 - i lavoratori a protestare con 30 giornate di sciopero consecutivo e nel 2001 con 3 giornate ininterrotte, al fine di garantire il diritto della cittadinanza ad un trasporto efficiente e sicuro ed anche per garantire il mantenimento dei diritti contrattuali, conquistati dai lavoratori con anni di sacrifici e di lotta.

 

A SOSTEGNO DEI DIRITTI DELLA CITTADINANZA E DEI LAVORATORI

E CONTRO L’ARROGANZA E LE PREVARICAZIONI DI T.T. SPA:

SCIOPERO VENERDI’ 30 MAGGIO DALLE ORE 9 ALLE ORE 13

Con manifestazioni pubbliche:

Martedì 27 dalle 8.30 alle 13 all’ ospedale di Cattinara,

venerdì 30 dalle 8.30 alle 13 in L.go Barriera e dalle 16 alle 19 in P.za Borsa

 

DOVE TUTTI I CITTADINI POTRANNO FIRMARE LA PETIZIONE , PER SOLLECITARE LA PROVINCIA DI TRIESTE A BLOCCARE IL SUB APPALTO DELLE 10 LINEE BUS E A MIGLIORARE IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO.

Trieste, 19 maggio 2008 CUB FEDERAZIONE RDB TRASPORTI

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni