REFERENDUM ATP AZIENDA E SINDACATI INIZIANO LA CAMPAGNA ELETTORALE CON LA PAURA I LAVORATORI NON SI FACCIANO INTIMIDIRE

Genova -

Come era facilmente prevedibile azienda e sindacati hanno incominciato subito e pesantemente la campagna elettorale per convincere i lavoratori di ATP a votare si al referendum del 1 aprile.



L'unico argomento possibile utilizzato da ENTRAMBI è la paura, il ricatto occupazionale, la minaccia del fallimento e dei licenziamenti.



Provocazioni gravissime e inaccettabili,  in cui i lavoratori non devono cadere.



L'assemblea di lunedi e le decine di disdette sindacali dimostrano chiaramente che l'accordo sottoscritto tra azienda, regione e sindacati è stato già bocciato dai lavoratori che hanno perfettamente capito che serve solo a preparare il terreno alla privatizzazione.



PER QUESTO OGGI AZIENDA E SINDACATI INSIEME HANNO SOLO LA PAURA PER CONVINCERE I LAVORATORI A VOTARE SI.



I LAVORATORI DEVONO RESTARE UNITI E RESPINGERE OGNI TENTATIVO DI DIVIDERLI CON LA PAURA ED IL RICATTO.



USB STA CON I LAVORATORI CHE SONO DISPONIBILI ANCHE A UN SACRIFICIO ECONOMICO E CHIEDONO SOLO DI VEDERE RIPRISTINATI ACCORDI E DIRITTI CONQUISTATI IN QUESTI ANNI CANCELLANDO LA REVOCA DELLE DISDETTE DEGLI INTEGRATIVI .



UNA PROPOSTA RAGIONEVOLE E PERCORRIBILE CHE ISTITUZIONI, AZIENDA E SINDACATI COMPLICI  RIFIUTANO PER UNA IRRESPONSABILE SCELTA POLITICA E NON CERTO PER PROBLEMI DI FONDI .

RESPINGIAMO IL RICATTO DI AZIENDA E SINDACATI .SALVARE ATP E' POSSIBILE. AZIENDA E ISTITUZIONI RIAPRANO IMMEDIATAMENTE LA TRATTATIVA SULLA BASE DELLE PROPOSTE DEI LAVORATORI.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni