Argomento:

SCIOPERO DI 24 ORE PER IL GIORNO 1 APRILE 2008

 

 

DI TUTTI I LAVORATORI DEL GRUPPO A.C.T.

 

PER LA DEMOCRAZIA SINDACALE

E IL RINNOVO DEL CONTRATTO AZIENDALE.

 

 

 

 

 

Dopo la presa di posizione del presidente ACT contro la C.U.B. Trasporti in consiglio comunale il 25 febbraio scorso, siamo costretti a proclamare il decimo sciopero, perché non intendiamo rassegnarci all'arroganza e alla prepotenza di una classe dirigente politica e non; che umilia i lavoratori.

A 60 anni dalla nascita della Costituzione Italiana, dove l’art 39 che recita “l’organizzazione sindacale è libera”, siamo costretti a rivendicare una vera democrazia sindacale che restituisca, senza condizionamenti, rappresentanza al dissenso dei lavoratori e ribadire ancora che l’azienda non può scegliere con quali sindacati trattare.

L’assurda presa di posizione di Malagoli secondo cui bisognerebbe essere firmatari di un contratto nazionale per avere i diritti di rappresentanza deriva da accordi concertativi, antidemocratici ed esclusivisti firmati all’inizio degli anni ’90 da associazioni padronali, governo e CGIL CISL UIL, accordi che ruotano attorno a tre cardini principali:

1. la liquidazione di ogni spazio sindacale di tipo conflittuale, di base e indipendente.

2. la disponibilità a riscrivere le regole sulla rappresentanza in chiave maggioritaria, per la tutela degli interessi delle organizzazioni sindacali concertative (Cgil, Cisl, Uil e al bisogno Ugl & C.)

3. il ridimensionamento, fino all’estinzione, del Contratto nazionale attraverso l’imposizione di un unico livello di contrattazione in sede decentrata.

 

Accordi che rappresentano una politica fallimentare per i lavoratori, ai quali ha portato solo impoverimento devastazione salariale e precarietà, mentre gli unici vantaggi li ha procurati solo ai soggetti firmatari.

La scomparsa di democrazia sindacale sui posti di lavoro, con l’esclusione dalle trattative, delle organizzazioni che non firmano i contratti nazionali, sta producendo una modificazione in senso reazionario le relazioni sindacali.

Ricordiamo che la C.U.B. gode di ampio seguito tra i lavoratori del gruppo A.C.T. perciò è perfettamente legittimata alla trattativa, alla convocazione di assemblee e a svolgere tutte le attività sindacali fino a oggi negate.

Lo dimostra ampiamente l’altissima partecipazione agli scioperi e alle manifestazioni da noi proclamati per la democrazia sindacale e per le proposte per il rinnovo dei contratti aziendali.

E’ perciò del tutto legittimo proporre, da parte della C.U.B. Trasporti, una piattaforma unitaria per tutti i dipendenti di ACT Group, e pretenderne la discussione a livello territoriale in quanto all’interno delle singole RSU delle aziende coinvolte non si è raggiunta una intesa unitaria; senza contare che i lavoratori del Consorzio Orfeo, che -sulla carta- non ha dipendenti, non hanno nessuna R.S.U. che possa far valere i loro diritti!

 

In conclusione, prima di arrampicarsi sugli specchi per difendere l’indifendibile, Malagoli farebbe meglio ad informarsi e riconoscere chi ha dimostrato reale rappresentatività tra i lavoratori: cioè la C.U.B. Trasporti.

 

L’azienda, al posto di arroganti prese di posizione nei nostri confronti, farebbe meglio a convocarci per intavolare una seria trattativa per arrivare ad un accordo che:

• tuteli i lavoratori nelle prospettive, di nuove aggregazioni e scorpori, che non devono essere il fattore su cui basare la concorrenza ( la sfida ora è a chi li paga di meno per svolgere lo stesso lavoro!!).

• stabilisca regole certe per un riallineamento della retribuzione sempre più inadeguata rispetto a quanto si lavora e al costo della vita. (il lavoro deve essere pagato in ugual misura indipendentemente da chi è il soggetto erogatore, sia esso A.E S.p.A , A.C.T., TIL o Consorzio Orfeo).

• Tuteli e porti rispetto a chi ogni giorno eroga materialmente il servizio, evitando di scaricare gli inutili ma evitabili disagi ai cittadini reggiani.

 

C.U.B. Trasporti

Reggio Emilia, 10 marzo 2008 Il coordinatore provinciale

Pasquale Tucci

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati