Trasporto aereo: USB CONFERMA LO SCIOPERO DEL 7 GIUGNO 2010 DALLE ORE 12.00 ALLE ORE 16.00

Contro l’ennesimo regalo fatto alle aziende e Assohandlers.

Roma -

La pressione giustamente esercitata dalle lavoratrici e dai lavoratori aeroportuali, se da un lato è servita ad impedire l’applicazione del Contratto-CAI, dall’altro non ha impedito l’ennesima firma senza mandato e l’ennesimo regalo che le OO/SS firmatarie hanno concesso alle aziende e ad Assohandlers.

 

Da una prima lettura dell’accordo siglato il 4 giugno, fermo restando la “vaghezza” sulla parte normativa e su quanto verrà stabilito, risulta essere abbastanza chiaro la fine che farà parte consistente degli arretrati, che lo ricordiamo, già con il contratto Assaeroporti, risultavano essere più che “scontati”.

 

Non bastava l’assurda estensione temporale delle prime due tranche (1000 euro in un anno e sei mesi, oltre i 29 mesi già passati), non bastava aver legato le modalità dell’erogazione della seconda tranche in sede aziendale entro il 31 dicembre 2011,Assohandlers ha anche preteso e ottenuto l’assoluta incertezza della restante parte della cosiddetta una tantum legandone i presunti pagamenti alla definizione delle procedure concorsuali in corso ed alla effettiva alimentazione del “fondo di garanzia”.

 

In parole povere non si sa come, quando e se mai, 500 Euro per il personale normalista e 700 Euro per i turnisti verranno pagati.

 

Soldi delle lavoratrici e dei lavoratori, che ripetiamo non coprono in alcun modo l’erosione prodotta dall’inflazione, sono stati legati alla risoluzione delle controversie che le varie aziende hanno nei confronti di clienti insolventi, anche quelli che ormai da tempo non hanno più nulla da dare, come dire oltre al danno la beffa.

 

Se a ciò ci aggiungiamo il penoso aumento di 0,35 centesimi lordi dell’indennità di presenza a partire dal gennaio 2011, l’estensione temporale degli incrementi indicati (70+60 Euro lordi al quarto livello in 5 anni, la scadenza della parte economica del contratto sfalsata da quella Assaeroporti, l’abolizione della c.d Edr 92), il quadro è completo.

 

In coerenza con quanto stiamo da tempo sostenendo e cioè della necessità di estendere il contratto Assaeroporti a tutti i lavoratori Aeroportuali, non possiamo non dare un giudizio estremamente negativo dell’intesa raggiunta e per questo motivo confermiamo lo sciopero nazionale del 7 giugno 2010 dalle ore 12.00 alle ore 16.00.

 

 

Invitiamo tutti i lavoratori alla massima partecipazione per imporre il ritiro della firma dall’accordo, per l’estensione del Contratto Assaeroporti a tutti i lavoratori Aeroportuali, per un percorso democratico che consenta alle lavoratrici e ai lavoratori di decidere sugli accordi da firmare.

Roma 5 giugno 2010

                       USB- Lavoro Privato Trasporto Aereo

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni